Vi arriva il poeta (I) - Umberto Piersanti


selezione dei testi e voce di Mara Venuto
foto in copertina di Giandomenico Papa
musiche primo brano: La Acacia
musiche secondo brano: Taylor



Prima lettura:

Da “Campi d’ostinato amore” (La nave di Teseo), poesia "Fuga d'infanzia", sezione "Il passato è una terra remota".






Seconda lettura:

Da “Campi d’ostinato amore” (La nave di Teseo), poesia "Jacopo ormai grande", sezione "Jacopo".





Umberto Piersanti è nato ad Urbino nel 1941 e nella Università della sua città ha insegnato Sociologia della letteratura.

Ha pubblicato numerose raccolte poetiche, tra cui La breve stagione (1967), I luoghi persi (1994), L’albero delle nebbie (2008), ed è anche autore di romanzi e opere di critica. Ha realizzato un lungometraggio, L’età breve (1969-70), tre film-poemi e quattro “rappresentazioni visive” su altrettanti poeti per la televisione.

Le sue poesie sono apparse sulle principali riviste italiane e straniere, tra cui “Nuovi Argomenti”, “Paragone”, “il Verri”, “Poesia”, “Poetry”. In Spagna, nel 1989, è uscita l’antologia poetica El tiempo diferente e negli Stati Uniti la raccolta Selected Poems 1967-1994 (2002). Tra i numerosi premi vinti, ricordiamo il San Pellegrino, il Frascati, il Mario Luzi, il Ceppo Pistoia, il Tirinnanzi, il Camaiore e il Penne. È il presidente del Centro mondiale della poesia e della cultura “Giacomo Leopardi” di Recanati.

Tra gli altri premi, nel 2021 gli è stata assegnata la prima edizione del Premio Saba Poesia per la raccolta Campi d’ostinato amore.



































Post popolari in questo blog

I maestri (XIII) - Pierluigi Cappello

Alessandra Corbetta: con la poesia perdonare l'estate della vita

Qualcuno che canti le follie di Dio (XIII) – L’amore è un’altra cosa